Il massaggio

L’unica cosa che aiuta a fare passare il mal di schiena è il calore. Per quanto lei si rifiutasse di crederlo era la verità. Dopo tanta insistenza, riuscì a sfilarle un top meraviglioso che le aveva regalato tempo prima, e lei gli indicò la zona dolorante.
Certo, non era facile lavorare in quelle condizioni, l’occhio gli cadeva spesso sotto al braccio dove appariva appena la base del seno o anche alla fine della schiena, ma lui doveva rimanere concentrato, appunto, sulla schiena.

Continue reading

Advertisements

L’investigatore

C’è da dire che un po’ se l’era andata a cercare.
Come sempre aveva seguito l’istinto, e ora?
Consumava Malox per i continui mal di pancia: mai provare a ragionare con la migliore esponente avanguardista di Venere!
Lui da poco aveva scoperto questa frase: “non pentirti di qualcosa che hai fatto, se quando l’hai fatto eri felice”. Non so se Jim Morrison pensasse a lui quando gli venne in mente quella frase, fatto sta che ora Lei aveva troncato ogni forma di relazione con lui, e lui, irriducibile a non pentirsi, consumava antiacido come fosse orzata.

Continue reading

Io sono vento

Io sono come vento che soffia
Sono come vento che ti accarezza, che ti sfiora nel vederti arrivare
Sono come vento che ti scompiglia i capelli, lasciandoli confusi sul cuscino, mentre mi guardi e già aspetti il mio ritorno
Sono come vento che si insinua nei vestiti, si confonde nei tuoi pensieri e ovunque senti dove voglio andare
Sono come vento, che sale avvolgendoti le gambe, che sale sfiorandoti il ventre, che sale fino a farti inarcare la schiena ormai persa nella mia irruenza
Sono come vento, quell’odiato vento da cui fuggi e non puoi star lontana, da cui sei cento volta fuggita e che ora aspetti che presto ritorni a soffiare

Sono come vento che scappa fra le dita perché nulla ti posso lasciare se non il ricordo di me

 

Vento

Evanescenza – Finale

E Venere iniziò a impadronirsi dei suoi sogni. O meglio, Venere iniziò a manipolarle i sogni poiché ogni notte,
per sua grazia e delizia, iniziò a tormentarla con le sue fantasie.
La dea si insinuò lentamente nei sogni di lei. Dolcemente le faceva rivivere i momenti con lui, aggiungendo un particolare alla volta.
Notte dopo notte.

Continue reading

Evanescenza – Parte Prima

Lo sapeva non da tanto, ma ormai ne era certo: la visione della vita di Venere e Marte era sostanzialmente diversa.
Lui aveva avuto sempre un approccio semplice alle cose, complicate solamente dai soliti richiami del basso ventre di Venere, richiami che lo affascinavano e lo ammaliavano sempre come un ragazzino.
Lei era la migliore esponente di tutta quella complicazione che Venere era riuscita a creare.
Sensualità e dolcezza protette da uno strato nebuloso di insicurezza. In breve, uno spettacolo di femminilità.
Quando poi riuscivano a trovarsi lontano dai propri mondi, lei riusciva a regalargli momenti di una gioia e piacere infiniti.
La donna che sforzava di tenere nascosta, si mostrava con tutta la sensualità che Venere le aveva donato. E lui si perdeva in lei.

evanescenza

Continue reading

Ishtar e La Vendetta del Demone – Parte Quarta

Quando decise di andare a trovare una sua vecchia conoscenza, il Demone era ormai vicino alla disperazione.
Raggiunse la caverna della Strega sulla scogliera.
Lei e le sue perversioni gli erano familiari, e pur essendo la strega una donna, non era mai riuscito ad entrare in simbiosi con lei, a possedere la sua anima. Troppe le conoscenze dell’occulto che aveva. Sapeva come difendersi e non sapeva ancora se poteva fare affidamento sui suoi poteri e soprattutto su di lei.
Continue reading

Ishtar e La Vendetta del Demone – Parte Prima

Con la prima storia di Ishtar ci siamo lasciati così:
“… Dopo, semplicemente abbracciati, lui ripensava a quanto era successo e si rese conto di avere sconfitto una legione di demoni pur di fare l’amore con lei. Lei, finalmente felice fra le braccia di lui, si rese conto che solo con la protezione di tutte le dee del Cielo era riuscita a fare l’amore con lui. Si guardarono negli occhi e senza che nessuno sapesse il perché dell’altro iniziarono a ridere.
… La mummia del museo sparì nei magazzini dei musei vaticani e venne riportata al suo posto fra le ancelle di Ishtar. La grotta sparì da ogni letteratura e la cerimonia poté ripetersi nei millenni a seguire.”

e ora ho bisogno di continuare, la lotta fra Ishtar e il Demone deve proseguire ….

Continue reading